Propedeutica della danza è il termine con cui indichiamo l’insegnamento di questa disciplina nella fascia di età tra i 5 e i 9 anni.

La forte valenza educativa insita in tale lavoro non costituisce solo una preparazione fisica allo studio della tecnica ma offre, attraverso tutti quegli elementi di risveglio della consapevolezza corporea e di scoperta dell’intenzionalità, agli allievi un’esperienza sul movimento ampia e approfondita.
L’insegnamento al bambino di quest’età è condurlo alla conoscenza di se stesso per potersi muovere in modo consapevole. Con la scoperta della propria struttura corporea, si raggiunge una migliore postura, poi, con un adeguato potenziamento muscolare, consoliderà la posizione acquisita e via via eseguirà movimenti sempre più complessi.
All’interno delle lezioni è indispensabile l’uso dei brani musicali, per accompagnare tutti quegli esercizi di ricerca e progettazione che i bambini eseguono con il proprio ritmo e allo stesso tempo si offre un’analisi approfondita dei fatti sonori per imparare a riconoscere i tempi, i ritmi, le pause e gli accenti musicali.
Non appena la muscolatura sarà abbastanza forte da sostenere la colonna vertebrale e quindi il tronco, si continua con il lavoro alla sbarra. Questa infatti sarà la compagna di vita per il danzatore.

Ogni giorno gli esercizi alla sbarra vengono ripetuti ed eseguiti sempre meglio tendendo alla perfezione. In questo modo non si smetterà mai di imparare!


Gli esercizi alla sbarra durante i primi corsi accademici vengono ripetuti al centro insieme alla preparazione per le pirouettes e al salto, piccolo, con batteria ed infine al grande salto dove inizia la parte virtuosistica del danzatore intorno al 5°/6° corso.


si prosegue con il Repertorio che darà modo di misurarsi con la tecnica più difficile in quanto viene eseguito solo da danzatori di alto livello.


Questo servirà anche per una preparazione specifica per la partecipazione a stage e concorsi dove gli allievi più promettenti si confrontano con allievi di altre scuole arricchendo così il loro percorso.


Insegnante: Rosi Pirrone