Mara Rubino, nata a Palermo nel 1974.

Nel 2001 si laurea in scienze motorie.


Dal 2003 dirige il centro danza “In Punta Di Piedi” in collaborazione con Rosi Pirrone; è creatrice della Compagnia di danza “Dissondanze”, con la quale produce varie performances, sia in ambito teatrale, che nel contesto di festival e concorsi.


La sua formazione nasce dal Modern, nella scuola di Filippo Scuderi entra a far parte della sua compagnia, e diventa sua assistente.


Frequenta corsi di perfezionamento di tecnica “Cunningham” con Cedric Andrieux e Dino Verga, di tecnica Horton” con Milton Mayers, tecnica limon con Alan Danielson.
Nel 2004 consegue il diploma in modern jazz con “International Dance Association” avendo l’opportunità di studiare con vari maestri quali Alex Atzewi, Silvio Oddi, Massimiliano Scaracchi. Nel 2007 frequenta a Catania presso il centro “SCENARIO PUBBLICO “di ROBERTO ZAPPALA’ il corso “Research and training studios” dell “EUROPEAN DANCE ALLIANCE” laboratorio creativo, dove incontra vari maestri di fama internazionale (Michele Abbondanza, Cristina Amodio, Mauro Astolfi, Milena Zullo,Mvula, Sungani,Dino Verga,Susanna Beltrami, Eugenio Scigliano).
Assistente alla coreografia e coreografa per la produzione di videoclip promozionali (“Narciso e Boccadoro”).
Ha frequentato corsi di recitazione con il maestro Pippo Spicuzza, Werner Eckl, Giuseppe Cutino, come integrazione a dei percorsi professionali di danza.
Come danzatrice ha lavorato nella compagnia Filider balletto ,e ha partecipato a varie performance teatrali e di danza urbana .
Come coreografa realizza (con la collaborazione di Rosi Pirrone con la quale dirige La scuola di danza “In punta di piedi”) lo spettacolo “Terramare” per il Solunto Festival ,“Picasso”, “Apeiron” per “Provincia in festa” del 2009.
La sua ricerca prosegue abbracciando vari campi non solo della danza, ma dell’arte, (teatro di figura); il suo interesse per le nuove frontiere della danza, la spinge a partecipare a vari Workshop fra cui Danza Immaginaria, per l’applicazione e l’interazione delle tecnologie digitali alla danza, nuovo obbiettivo della sua indagine coreografica.

“Invisibile al Rumore del mondo” è il frutto di questa nuova ricerca .proposto nella stagione 2009 del teatro nuovo Montevergini di Palermo e nella rassegna “Femmina” della stagione 2011 dei “Candelai” di Palermo;
Le Performances di Danza Urbana “Dolls” “Alberi” “Parcours” realizzate nel 2011 sono state rappresentate nel corso di manifestazioni per i “centri commerciali naturali”.
“Femminile singolare” realizzato nel febbraio 2011 rappresentato al Kursal kalesa e al Palab.
Anteprima di “Skin” lab#3, confini, progetto d’interazione della danza e della fotografia, realizzata a Palazzo Steri di Palermo per Univercittà 2011 .

Nel 2012 “Femminile Singolare” per la rassegna “Danzautore” presso il teatro Dante di Palermo, collabora con Dino Triassi curando le coreografie per gli spettacoli del cd “Acquerelli”, crea una performance danzata per la presentazione del libro reportage “San Cataldo Feste Religiose” a cura di Santo Eduardo Di Miceli.
Nel 2012 “Skin”, verrà ripresentato presso “Nautoscopio Arte” a Palermo.

Nel dicembre 2013 coinvolgendo anche allievi di età minore realizza lo Spettacolo +P.I.F (prodotto interno di Felicità) presso la Fonderia Orotea.


Ancora presso la Fonderia Orotea nell’ambito della manifestazione “Nuda arti contro la violenza sulle donne” nel dicembre 2014 realizza le performances “Post It” e “Fear” estratto da “Femminile singolare”.


Nel novembre 2014 crea “Respect” una manifestazione in occasione della giornata internazionale sulla violenza contro donne in collaborazione con il museo d’arte contemporanea “Riso” ed la “Soprintendenza Regionale del Mare” coinvolgendo vari artisti ed operatori del settore dove ha eseguito la performance “Post ‘it”.
Nel 2015 collabora alle rappresentazioni del “teatro Potlach”, realizzate a Palermo, Sambuca di Sicilia nell’ambito della manifestazione “I Art” .